Marcel Breuer

|

Marcel Breuer è una delle personalità storiche ed illustri che hanno contribuito alla nascita e allo sviluppo del design, nonché uno dei miei progettisti preferiti di sempre.

Sebbene si sia dedicato molto anche all’architettura, è una di quelle figure che non si può che guardare con ammirazione, se si ama il design, per il grande contributo che gli ha apportato.

ICONS-2-marcel-breuer-camilla-bellini-the-diary-of-a-designer

credits photo: Knoll

Tedesco ma di origine ungherese, Breuer nacque a Pécs nel maggio 1902 e morì New York nel luglio 1981.

E’ stato uno dei più importanti esponenti del Movimento Moderno e del Bauhaus. Ed è proprio qui, all’interno di questa scuola, che il suo percorso ebbe origine.

Frequentò infatti il Bauhaus inizialmente in veste di studente e poi, dal 1925 al 1928, come docente, dove si occupò di dirigere il laboratorio del mobile.

Proprio in questi anni iniziò a sperimentare l’uso del metallo ed in particolare del tubolare in acciaio fino a creare uno dei suoi prodotti più iconici, che sono certa conoscerai bene: la sedia Wassily conosciuta anche come Modello B3 che realizzò in omaggio al pittore Wassily Kandinsky.

La sedia “Wassily” distribuita da Knoll(photo source: knoll.com)

marcel-breuer-designer-star-design-bauhause-camilla-bellini-the-diary-of-a-designer-10

A proposito di questa sedia divenuta un intramontabile simbolo dell’arredamento moderno e contemporaneo, Breuer disse: “Allora mi era già balenata l’idea di sostituire la spessa imbottitura del sedile con un telo di tessuto teso. Inoltre volevo un’intelaiatura elastica e flessibile. In virtù dell’interazione tra il tessuto teso e gli elementi elastici dell’intelaiatura, questi mobili dovevano offrire un maggiore comfort senza peraltro risultare massicci. Cercai anche di raggiungere una certa trasparenza della forma e quindi una leggerezza tanto ottica quanto fisica. Nei miei studi sulla produzione in serie e sulla standardizzazione scoprii ben presto il metallo levigato, linee luminose e pure nello spazio come nuovi elementi costitutivi dei nostri arredamenti. In queste linee luminose e arcuate non vedevo soltanto simboli della tecnica moderna, ma la tecnica in generale”.

Parole queste che racchiudono alla perfezione la sua attività di progettazione e di ricerca applicata sia all’architettura che al design. Una poetica fatta di leggerezza visiva, di linee fondamentali e di forme pure.

In seguito, nel 1932, con l’avvento del nazismo e la cessazione dell’attività del Bauhause, come molti altri designer, architetti e non solo, Breuer fu costretto ad emigrare. Prima in Inghilterra e poi in America continuò la sua professione, lavorando in studi ed insegnando la materia che l’ha appassionato per tutta la vita.

Breuer è un personaggio intramontabile, uno di quelli che ha posto le fondamenta del design moderno. I suoi prodotti, soprattutto la sedia Wassily, che non nego essere la mia preferita della sua collezione, e che è stata anche uno dei primi prodotti che “ho incontrato” durante i miei studi, sanno conferire all’ambiente un tocco immediato di classe senza tempo, di razionalismo, di storia e di cultura.

Fanno senza dubbio parte, di quella selezione di prodotti che fanno la differenza.Ecco alcuni prodotti per capire di cosa parlo:

 

I tavolini “Laccio” distribuiti da Knoll(photo source: knoll.com)

marcel-breuer-designer-star-design-bauhause-camilla-bellini-the-diary-of-a-designer-15

 

 

 


Lo scaffale “B22” distribuito da Thonet(photo source: thonet.de)

marcel-breuer-designer-star-design-bauhause-camilla-bellini-the-diary-of-a-designer-8

 

 

 


I tavolini “B9” distribuiti da Thonet(photo source: thonet.de)

marcel-breuer-designer-star-design-bauhause-camilla-bellini-the-diary-of-a-designer-9

 

 

 


La poltrona “S35” distribuita da Thonet(photo source: thonet.de)

marcel-breuer-designer-star-design-bauhause-camilla-bellini-the-diary-of-a-designer-12

 

 

 


La sedia “Cesca con braccioli” distribuita da Knoll(photo source: knoll.com)

marcel-breuer-designer-star-design-bauhause-camilla-bellini-the-diary-of-a-designer-2

 

 

 


La sedia “Cesca” distribuita da Knoll(photo source: knoll.com)

marcel-breuer-designer-star-design-bauhause-camilla-bellini-the-diary-of-a-designer-19

 

 

 


Il divano su ruote “F41E” distribuito da Tecta(photo source: tecta.de)

marcel-breuer-designer-star-design-bauhause-camilla-bellini-the-diary-of-a-designer-13

 

 

Tu cosa ne pensi? Sei come me e la Wassily è il tuo pezzo preferito, oppure c’è qualcos’altro che ti ha colpito particolarmente? Scrivimi tutto nei commenti!

Se ti è piaciuto questo articolo, ti consiglio anche lo #icons: Ludwig Mies van der Rohe!

credits cover photo: LIFE

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Salva

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Ricevi ogni settimana aggiornamenti personalizzati da Camilla